Tesori sotto e sopra

0

A Negrar in Valpolicella la coltivazione delle vite è una tradizione millenaria: producevano vino le popolazioni locali dei Reti, prima ancora che i Romani conquistassero le loro terre. Il vino e la vite sono parte fondamentale del tessuto culturale ed economico di queste zone e a volte la terra, se trattata con rispetto e gratitudine, aggiunge ai tesori che crescono e maturano sulla propria superficie quelli che nasconde da secoli. E’ così che una piccola squadra di archeologi, è riuscita a riportare alla luce gli splendidi mosaici dai colori ancora intatti, di una domus romana, che giacevano da secoli sotto le vigne.

Più di una volta ho sentito dire che in Italia abbiamo troppa “roba”, dove “roba” è contenitore generico per affresco, edificio antico, chiesa, statua dipinto, e via dicendo; che non ci sono i fondi per recuperare, restaurare, tutelare, esporre, aprire al pubblico, tutta questa “roba”. Eppure non ho mai sentito nessuno dire che in Italia abbiamo troppe località turistiche, troppo mare, troppe aziende. Quando capiremo che la cultura, i monumenti, “i quattro sassi” sono un voce ancora troppo sottovalutata dello sviluppo economico di questo paese?

Ci auguriamo che il Ministero per i Beni Culturali fornisca appena possibile i fondi necessari per portare a completamento i lavori, mettere in sicurezza le pavimentazioni ed eventuali altri manufatti e renderli accessibili ai visitatori, per restituire agli abitanti di Negrar un altro pezzo di storia oltre che nuove prosettive economiche legate al turismo culturale.

Al link qua sotto la gallery fotografica di Corriere.it

https://www.corriere.it/foto-gallery/scuola/secondaria/20_maggio_27/i-magnifici-mosaici-romani-rinvenuti-le-vigne-negrar-valpolicella-d8494de4-a01a-11ea-8f7d-66830a0d6de9.shtml

Share.

About Author

Sono nata e cresciuta in un villaggio della provincia bergamasca, quasi bresciana, nascosto tra le nebbie della Pianura Padana. Ho scelto Milano come città di adozione perchè, se impari a conoscerla, non è una città caotica, non è per forza fashion e può pure capitare di chiacchierare col vicino di casa. Sono laureata in storia dell'arte e lavoro nel variegato mondo della comunicazione.

Comments are closed.