Sutor Mantellassi celebra Marcello Mastroianni

0

Cinque limited editions create da grandi nomi del design mondiale per ricordare un mito del cinema italiano

Sono passati ormai cinquant’anni da quell’8 febbraio del 1965 in cui Marcello Mastroianni lasciava il segno sulla celebre Walk of Fame di Hollywood: erano gli anni d’oro del cinema italiano, delle vacanze romane e della Dolce vita, la pellicola che lo aveva definitivamente consacrato nel gotha dei grandi del cinema mondiale. In quella giornata così importante Marcello consegnava al cemento di Los Angeles le impronte delle mani e quelle delle scarpe, le sue preferite, create dai calzolai toscani di Sutor Mantellassi.

Nonostante i modelli di Mantellassi siano stati indossati nel corso degli anni da numerose celebrità (ci basti citare, su tutti, D’Annunzio e Ezra Pound) il rapporto con Mastroianni si è mantenuto particolarmente stretto e, proprio per celebrare l’anniversario di quel giorno speciale, l’azienda fiorentina ha deciso per il 2015 di realizzare cinque limited editions da cinquanta paia l’una della scarpa da lui indossata.
Il Progetto MM è stato affidato ad alcuni tra i migliori designers attualmente in circolazione, che hanno unito alla tradizione la loro personale visione del mito di Marcello, aiutati dall’esperienza e dalla classe degli artigiani che ancora lavorano in Sutor Mantellassi.

Si parte a gennaio, durante le giornate di Pitti uomo, quando lo shoe designer britannico Justin Deakin presenta il suo lavoro accompagnato dal cortometraggio M.M. – A stylish tribute, girato da Aaron Rose ed ispirato al film di Federico Fellini 8 ½. Ad aprile il Salone del Mobile milanese regala al suo pubblico le MM2 di BassamFellow, celebre binomio composto dal designer e architetto Craig Bassam e dallo strategist e designer Scott Fellow, mentre Il ritorno di Pitti uomo in giugno porta con sé la vision del fotografo di moda e blogger Scott Schumann. Tocca poi all’Expo accogliere a settembre un altro talentuoso shoe designer, il giapponese Toshinosuke Takegahara; conclude la fortunata serie il giornalista francese Thomas Erber, che ha presentato le sue MM5 qualche giorno fa al parigino Hotel les baines nel corso di un evento particolarmente esclusivo.

E’ stato un anno ricco di ricordi il 2015 di Sutor Mantellassi: a tutti noi che abbiamo adorato Marcello ed ancora apprezziamo il suo stile non può che far piacere che il suo mito e la sua eleganza senza tempo rimangano vive e ben salde anche nelle moderne strade della moda globale.

 

Share.

About Author

Trentenne, milanese, un marito, due gatti, una formazione umanistica e un lavoro nella comunicazione, donna in cOrriera per scelta ma pigrona per vocazione. Amo lo sport, la moda, il teatro e qualsiasi pezzo di carta dove ci siano sequenze di parole. Adoro il rosa e tutto quello che è strano e kitsch, ma odio gli eccessi senza senso e la provocazione fine a se stessa. Ancora devo decidere se mi piace la gente...per ora osservo e prendo appunti, vediamo se prima degli 'anta' riuscirò a capirci qualcosa...

Comments are closed.