Il signore delle ombre

0

Figura dall’aspetto mefistofelico, tra i grandi padri di uno stile artistico che ebbe la propria nascita moderna nella Grande Mela Bacata, la New York degli anni ’80, Richard Hambleton è tuttavia sconosciuto ai più

Questa notte per alcune culture, una volta erano solo quelle anglosassoni ma forse no, anche per altre, che però poi se lo sono dimenticato e hanno adottato l’aspetto commerciale della tradizione anglosassone…ma dicevo: questa che arriva sarà la notte delle ombre e dei fantasmi.
Noi di CA vogliamo ricordarvelo a modo nostro, parlando brevemente di uno dei padri della street art, diventato famoso con gli Shadowmen, le ombre da vicolo, Richard Hambleton.
Lato nascosto della piramide Basquiat-Haring-Hambleton, Richard è tuttavia l’unico sopravvissuto dei 3 al grande periodo dell’art and street art post Whorol Factory della NY anni ’80.
Debitori ad Hambleton sono artisti come il sofisticato francese Blek le rat e l’inglese Banksy.
Le sagome da scena del crimine agli angoli delle strade, le ombre strappate ad animi inquieti e intrappolate sui muri di New York, la shilouette indemoniata del cowboy della Malboro, sono solo alcuni degli esempi degli spettri dietro il benessere economico degli Stati Uniti dell’epoca che ossessionano l’artista. Oggi Richard Hambleton appare consunto e spiritato come il Jocker di Tim Burton, una maschera di Halloween per 365 giorni l’anno, eppure le sue opere, come tutti i capolavori senza tempo, sono sempre spaventose, angoscianti, come le ombre proiettate dal fuoco sulla volta di una grotta, continuano a minacciare le 4 certezze a cui l’uomo, appende la propria esistenza.

Share.

About Author

Sono nata e cresciuta in un villaggio della provincia bergamasca, quasi bresciana, nascosto tra le nebbie della Pianura Padana. Ho scelto Milano come città di adozione perchè, se impari a conoscerla, non è una città caotica, non è per forza fashion e può pure capitare di chiacchierare col vicino di casa. Sono laureata in storia dell'arte e lavoro nel variegato mondo della comunicazione.

Comments are closed.