A prova d’Insonnia

0

Baa baa land e la conta delle pecore

Fortunatamente per me l’insonnia non è mai stata un problema, mi basta toccare il cuscino e sprofondo pacifica tra le braccia di Morfeo, incurante di qualsiasi fattore di disturbo.
Sarà per questo che il caro, vecchio adagio secondo cui contare le pecore avrebbe un effetto soporifero mi ha sempre lasciata perplessa.

Almeno fino ad oggi.

Gironzolando sul web mi sono infatti imbattuta in un lungometraggio che ha scardinato ogni certezza e messo a dura prova la mia resistenza.
Non ridete dell’utilizzo del gergo tecnico, vi prego: quando parlo di lungometraggio intendo veramente un luuuuuuungometraggio. Non saprei infatti come altro definire Baa baa land, film della durata di 480 minuti – 8 ore per chi non ha affinità con la matematica – popolato solo da pecorelle e prati verdi.
Dimenticatevi le avventure di Shaun the sheep e scordatevi animali parlanti tipo Babe, qui si tratta di pecore in lana e ossa, riprese nel corso delle loro attività quotidiane: brucare l’erba, caracollare in giro per i prati, pisolare sotto gli arbusti e godersi l’oziosa pace del pascolo.

Nato dalla fervida immaginazione del gruppo americano Calm- creatore di un sito e una app dedicati alla consapevolezza di sé, alle tecniche di rilassamento e alla meditazione – il film si propone come un’epica ripetizione di…beh, di nulla.
Le scene hanno una durata variabile tra i 30 e i 60 minuti ciascuna e sono proposte senza soluzione di continuità, con lo scopo ben preciso di permettere allo spettatore di rilassarci completamente, senza pensare al filo narrativo o ai possibili sviluppi della trama.
Non aspettatevi dunque alcun colpo di scena; trovate piuttosto un ambiente confortevole e mettetevi comodi, molto comodi.

Io sono arrivata a 45 minuti di visione, poi non ricordo più nulla, credo di essere svenuta; in caso comunque vogliate sfidare me, voi stessi, e tutto il gregge, qui trovate il link alla versione integrale del film.
Per i meno coraggiosi, invece, ecco il trailer:

E per favore, fateci sapere fin dove riuscite a spingervi: vediamo se almeno uno di noi riesce a non darla vinta a quelli di Calm!

Share.

About Author

Trentenne, milanese, un marito, due gatti, una formazione umanistica e un lavoro nella comunicazione, donna in cOrriera per scelta ma pigrona per vocazione. Amo lo sport, la moda, il teatro e qualsiasi pezzo di carta dove ci siano sequenze di parole. Adoro il rosa e tutto quello che è strano e kitsch, ma odio gli eccessi senza senso e la provocazione fine a se stessa. Ancora devo decidere se mi piace la gente...per ora osservo e prendo appunti, vediamo se prima degli 'anta' riuscirò a capirci qualcosa...

Comments are closed.