La ballerina stringata di San Giobbe

0

Si può ufficialmente affermare che il must have della primavera/estate 2016 sia la ballerina stringata. La mattina per le strade di Milano si vedono saltellare piedini agili e scattanti, calzati in queste scarpette nere trattenute da un reticolo di stringhe di identico colore che si avvinghiano alla caviglia e in alcuni casi al polpaccio. L’energia e la flessuosità di queste danzatrici metropolitane si smorza però la sera, quando nella maggior parte dei casi, i sottili lacci, penetrate le carni gonfie e stanche, ricordano più lo spago dell’arrosto o della mortadella.

Il San Giobbe della “Meditazione sulla passione”, opera di inizio ‘500 di Vittore Carpaccio, indossava con inviadiabile disinvoltura, sui piedi ossuti e abbronzati da asceta, un paio di calzature molto simili alle nostre ballerine.

Si sente spesso dire che la moda torna sempre; in questo caso il salto indietro nel tempo è di 500 anni ma auspico ci si fermi qui e che non si vogliano rispolverare, per la moda maschile, le calzamaglie colorate o con astucci penici!

Share.

About Author

Sono nata e cresciuta in un villaggio della provincia bergamasca, quasi bresciana, nascosto tra le nebbie della Pianura Padana. Ho scelto Milano come città di adozione perchè, se impari a conoscerla, non è una città caotica, non è per forza fashion e può pure capitare di chiacchierare col vicino di casa.
Sono laureata in storia dell’arte e lavoro nel variegato mondo della comunicazione.

Comments are closed.