Vivian Maier, un tesoro profanato

0

Si è appena conclusa allo spazio Forma Meravigli di Milano la retrospettiva sulla fotografa sconosciuta, più nota degli ultimi anni.

Quante fotografie ha scattato Vivian Maier nella sua lunga vita di anonima bambinaia? Miglia, decine di migliaia. Tante. La maggior parte non le aveva nemmeno sviluppate, Vivian scattava in pellicola. Perchè? Certo sarebbe stato  un costo notevole, oppure riteneva che non ne valesse la pena. No, Io credo che non le importasse poi tanto. Magari non le interessava nemmeno che fossero belle, e belle lo sono davvero. Lei girava per le strade di New York e di Chicago, trascinandosi appresso i bimbi che accudiva, più o meno riluttanti a seguirla nei posti più improbabili della città, alla ricerca di schegge di vita, di emozioni, di quell’infinità di momenti più o meno rilevanti che compongono un’esistenza. Che ti fanno dire, alla fine: io ho vissuto. La Maier ha catturato con la sua Rollei tutti quei frammenti per concedersi sentimenti di seconda mano? E tutti quegli autoritratti in cui la sua assenza dalla scena è quasi plateale, servivano a dimostrarle che in qualche modo a quel mondo apparteneva anche lei? Beh quali che siano le ragioni credo che sino affari suoi. Le sue foto mi hanno divertito, intenerito, iquietato, e se da una parte sono felice di avere avuto l’opportunità di vederle, non riesto ad allontanare la sgradevole sensazione che, dandole questa notorietà post mortem esponendo in tutto il mondo le sue fotografie, si sia profanato qualcosa di infinitamente intimo e privato che, come i sogni e i desideri, doveva rimanere sepolto con la sua creatrice.

Share.

About Author

Sono nata e cresciuta in un villaggio della provincia bergamasca, quasi bresciana, nascosto tra le nebbie della Pianura Padana. Ho scelto Milano come città di adozione perchè, se impari a conoscerla, non è una città caotica, non è per forza fashion e può pure capitare di chiacchierare col vicino di casa.
Sono laureata in storia dell’arte e lavoro nel variegato mondo della comunicazione.

Comments are closed.